Inizio contenuto

Biografia

Benedetto Adragna è nato a Martina Franca (Ta) il 26 maggio 1952; il padre, funzionario della polizia di stato viene trasferito in Sicilia e la famiglia si stabilisce ad Agrigento.

Laureato in Scienze politiche - Indirizzo internazionale- Adragna è sposato con Maria Rosa Amodio e ha due figli, Daniela e Dario.

Direttore Generale dell'Istituto per l'Industria di Agrigento (ESIEA), ha ricoperto importanti ruoli nel sindacato Cisl: in particolare è stato segretario generale della Filca (federazione italiana lavoratori costruzioni) di Agrigento e componente della Direzione nazionale; segretario generale della Cisl di Agrigento e consigliere confederale della Cisl nazionale.

Durante l'esperienza sindacale agrigentina ha promosso il Patto per il lavoro sottoscritto da 41 Comuni della provincia che ha poi dato vita all'Agenzia provinciale per lo sviluppo con la quale sono stati gestiti i Patti territoriali. Ha ricoperto ad Agrigento i ruoli di Presidente del Consiglio scolastico provinciale e del Consiglio diocesano pastorale del Lavoro.

Nel 1996 è stato eletto consigliere regionale con il Partito popolare italiano ed è stato eletto, in quella legislatura, Assessore regionale al Lavoro nel 54° governo della Regione.

Intensa la sua attività come parlamentare regionale con la presentazione, come primo firmatario, di numerosi disegni di legge tra i quali quello relativo al recepimento del Decreto legislativo n. 29/1993 dettante "Norme sulla riorganizzazione dell'Amministrazione regionale, sull'ordinamento degli uffici e del personale dell'Amministrazione regionale"; porta la sua prima firma anche la legge con la quale è stato istituito il "Parco archeologico della Valle dei templi di Agrigento". Sono stati approvati dall'Ars due suoi disegni di legge recanti "Aiuti all'investimento del settore turistico e contributi sulle operazioni di mutuo" ed il "Riordino della legislazione in materia forestale e di tutela della vegetazione".

Dal 2002 al 2004 ha fatto parte della Giunta della provincia regionale di Agrigento, prima come Assessore provinciale al Lavoro, all'Imprenditoria giovanile ed ai Rapporti con l'Unione europea e poi come Vicepresidente con delega alla Cultura, alla legalità ed alla trasparenza. In quel periodo ha fatto parte della Direzione nazionale dell'Unione province italiane (UPI).

Nel 2006 viene eletto Senatore della Repubblica nelle liste della Margherita; fa parte della XI Commissione permanente Lavoro e Previdenza; componente della Commissione Antimafia, coordina il Comitato ristretto su "Mafie, migranti, tratta degli esseri umani e nuove forme di schiavitù".

Nel 2008 viene rieletto Senatore nelle liste del PD; continua a far parte della XI Commissione permanente e viene eletto componente dell'Ufficio di Presidenza con l'incarico di Questore.

Nella XVI legislatura è stato designato Coordinatore del Comitato per lo sviluppo della comunicazione radiotelevisiva del Senato istituito nel 2009.

Significativa la sua attività parlamentare; presenta come primo firmatario importanti disegni di legge su varie materie con riferimento soprattutto alle questioni del lavoro e del welfare: in particolare i disegni di legge recanti "Norme per l'attuazione dell'articolo 46 della Costituzione sulla collaborazione dei lavoratori alla gestione delle aziende"; "Disposizioni sulla trasparenza degli atti delle pubbliche amministrazioni"; "Riconoscimento in sede di reclutamento da parte delle pubbliche amministrazioni dei servizi prestati in forma flessibile"; "Istituzione di un sistema di protezione sociale e di cura per le persone non autosufficienti".

Attento agli sviluppi di nuove tecniche per la cura delle malattie, ha promosso con un apposito disegno di legge, sottoscritto da tutti i capigruppo parlamentari del Senato, l'istituzione dell'Agenzia nazionale per la biofisica informazionale.

Altrettanto rilevante la sua attività nell'ambito del Collegio dei Questori chiamato ad applicare autonomamente, in virtù dell'autodichia, i provvedimenti in materia di riduzione dei costi della politica e di contenimento della spesa pubblica. Dal 2008 al 2012 è intervenuto ogni anno in aula, quale relatore, sui rendiconti delle entrate e delle spese del Senato e sui progetti di bilancio interno


Relazioni internazionali

Il secondo mandato del Senatore Adragna è stato caratterizzato da una particolare attenzione alle relazioni internazionali.

Nel 2009 ha istituito l'Associazione parlamentare Amici del Marocco di cui è stato nominato Presidente con la finalità di sostenere l'importanza della diplomazia parlamentare nelle relazioni tra i due paesi allo scopo di favorire lo sviluppo economico, sociale e culturale tra le due sponde del Mediterraneo, a beneficio della sicurezza e della stabilità.

Ha partecipato a Parigi nel marzo 2011, in rappresentanza del Senato della Repubblica, alla Conferenza internazionale dell'Institut de Relations Internationales ed Stratègiques(IRIS) dedicata alla Russia insieme a colleghi parlamentari di Francia, Russia, Germani, Bulgaria, Repubblica ceca e Serbia. Nell'aprile 2011 è intervenuto a Panama ai lavori della 124° Assemblea dell'Unione Inter-Parlamentare in occasione del dibattito generale sulla situazione politica, economica e sociale in qualità di membro dell'Assemblea parlamentare del Mediterraneo.

Ha successivamente organizzato (luglio 2011) insieme all'Unione delle Università del Mediterraneo -Unimed - un interessante incontro dedicato a "L'Europa e la 'nuova' Russia" con la partecipazione di Alexander Mikhailovich Babakov, Vicepresidente della Duma di Stato, Umberto Vattani, Presidente ICE, Raffaele Bonanni, Segretario generale della Cisl.

Nell'ottobre 2011, su sua iniziativa, la città di Agrigento ha ospitato una delle sessioni della PAM, l'Assemblea parlamentare mediterranea. Nello stesso mese ha partecipato a Bucarest, insieme al segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, al Presidente della Camera dei deputati della Romania ed al Ministro del Lavoro rumeno, all'incontro organizzato dall'INAS sui "100 anni di emigrazione italiana in Romania" dedicato alle relazioni tra i due paesi. A novembre ha partecipato a Tirana in Albania, in rappresentanza del Senato, all'Assemblea della Parlamentary Assembly of the black sea economic cooperation (Pabsec).

Nel gennaio 2012, in occasione delle elezioni della Camera bassa in Kazakhistan è stato scelto dall'Istituto italiano per l'Asia ed il Mediterraneo (Isiamed) per far parte di un gruppo di parlamentari italiani delegati a monitorare il processo elettorale. Il mese successivo ha partecipato, quale componente della sezione bilaterale di amicizia Italia-Germania, all'incontro con il Presidente dell'omologo gruppo del Bundestag, Ulla Burchardt.

Pochi mesi dopo, nel giugno 2012 ha aperto, a Lisbona, i lavori della Conferenza internazionale dell'Assemblea parlamentare del Mediterraneo (PAM) dedicata al sostegno delle piccole e medie imprese ed alla crescita economica nell'area euro-mediterranea. Nel settembre 2012 è intervenuto alla Conferenza "World e-Parliament" organizzata dall'Unione interparlamentare e dal Global centre for information and communication technologies in Parliament; il successivo mese di ottobre ha partecipato a Malta alla settima sessione plenaria della PAM intervenendo in merito alla grave situazione dell'isola di Lampedusa.

Ha inoltre aperto, nel novembre 2012 i lavori della Conferenza parlamentare sulle relazioni tra Italia e Azerbaigian organizzata dalla Commissione politiche dell'Unione Europea del Senato e dal gruppo parlamentare di amicizia e dedicata alle relazioni economiche ed energetiche tra i due Stati.

Infine, nel dicembre 2012 ha partecipato a Roma alla Conferenza mondiale per i diritti umani ed alla settima Assemblea parlamentare consultiva sulla Corte penale internazionale e lo stato di diritto organizzata da Parlamentarians for Global Action (PGA), la più grande rete transnazionale di parlamentari a titolo individuale presente in 120 paesi del mondo: in particolare il Sen. Adragna - quale socio della PGA e componente del Comitato organizzatore della conferenza - ha coordinato un dibattito sugli cooperazione degli Stati con la Corte penale internazionale cui sono intervenuti la Cancelliera della Corte de L'Aia ed il Presidente della Commissione straordinaria diritti umani del Senato.

Conosce e parla abbastanza bene la lingua francese, discretamente l'inglese. E' iscritto all'Albo nazionale dei giornalisti pubblicisti; ha collaborato con i quotidiani "La Sicilia" ed il "Giornale di Sicilia" ed ha diretto redazioni giornalistiche di emittenti televisive e radiofoniche locali e regionali.