Inizio contenuto

Attività parlamentare

Interrogazioni

  • Interrogazione del 19 dicembre 2012

    Interrogazione orale con carattere d'urgenza ai sensi dell'articolo 151 del Regolamento

    Al Ministro della Giustizia, Al Ministro degli Interni

    Premesso che:

    ·da articoli di stampa (La Sicilia, 30 settembre 2012) e da numerosi interventi tuttora visibili su Internet (Malgrado Tutto Web, Informacarcere, Articolo 21), risulta che il detenuto Alfredo Sole, recluso nell'istituto di Opera, con ergastolo ostativo per due condanne a vita per reati di mafia, reclama di poter ottenere il proprio computer, che aveva a disposizione fino ai primi mesi del 2010, quando era detenuto nel penitenziario di Livorno, di cui è stato privato al momento del trasferimento a Opera;

    ·il detenuto Alfredo Sole, arrestato nel settembre del 1991, nel pieno della "guerra di mafia" che imperversava tra le province di Agrigento e Caltanissetta e che vedeva lo scontro sanguinoso tra le cosche di Cosa Nostra e quelle della cosiddetta "Stidda", nel suo ventennale percorso carcerario ha avuto modo di intraprendere gli studi, diplomandosi e in seguito iscrivendosi all'università, superando molti esami di filosofia;

    ·il Sole, sia pure condannato a due ergastoli per gravi reati di mafia, ha pubblicamente preso le distanze dal proprio passato criminale e lo ha fatto sia nel libro "I ragazzi di Regalpetra" del giornalista Gaetano Savatteri, pubblicato da Rizzoli nel 2009, in un capitolo a lui interamente dedicato ("Fine pena mai", pagg. 261-276), nel quale non solo ammette le proprie personali responsabilità nei gravi fatti per i quali è condannato con sentenze definitive, ma mostra evidenti segni di consapevolezza ("…questa strada porta solo in due posti. La morte o la galera"…"Non capisco come ancora qualcuno ci caschi: tutte queste stronzate di farsi rispettare, la gente ti rispetta solo perché ha paura. Ma ero troppo giovane, non riflettevo, non analizzavo le cose. Se avessi letto i libri che leggo adesso avrei saputo esaminare la situazione, avrei capito che sbagliavo");

    ·Alfredo Sole è intervenuto più volte, con lettere aperte inviate dal carcere al periodico "Malgrado tutto", piccolo ma prestigioso giornale che vanta collaborazioni illustri (del calibro di Leonardo Sciascia, Vincenzo Consolo, Gesualdo Bufalino, Matteo Collura e molti altri) e che si pubblica a Racalmuto, il paese di Leonardo Sciascia, lo stesso paese nel quale è nato e cresciuto Sole e dove ha compiuto i gravi reati per i quali è condannato, rivolgendosi ai giovani e invitandoli a non seguire il suo esempio e ad abbandonare la strada della violenza (Malgrado Tutto, giugno 2010: "Lettera dall'ergastolo ai giovani. Non fate come me, la mafia è solo morte e inferno", di Alfredo Sole);

    ·Alfredo Sole nel proprio computer ha raccolto appunti di studio, memorie personali, ricordi e scritti vari che costituiscono il patrimonio personale di anni di studi e considerazioni in cui ha cercato di prendere le distanze dal proprio passato criminale;

    ·in assenza del proprio computer, nella cui memoria sono custoditi elaborati e riflessioni sugli studi compiuti, Alfredo Sole non è in grado di compilare e organizzare la tesi di laurea necessaria per concludere i propri studi;

    ·il detenuto mostra la volontà di abbandonare il corso di studi, non potendo concluderlo secondo il programma prefissato, frustrando e interrompendo così un sofferto e laborioso percorso di crescita culturale, con le inevitabili positive ripercussioni che questo può avere nella sfera morale dell'individuo, proprio in sintonia con quanto disposto dalla Costituzione all'articolo 27 laddove indica che le pene "devono tendere alla rieducazione del condannato".

    Si chiede di sapere se è vero, a quanto risulta, che il tribunale di sorveglianza di Milano ha disposto che il computer venga riconsegnato al detenuto; e se è vero che la direzione del carcere di Opera non ha ottemperato, ormai da oltre due anni, non solo al regolamento penitenziario, ma anche all'ordinanza del giudice del tribunale di sorveglianza di Milano.

    Sen. Benedetto Adragna

  • Interrogazione del 13 settembre 2012

    Interrogazione orale con carattere d'urgenza al Ministro dello sviluppo economico e della difesa, in merito all'utilizzo dell'aerostazione militare di Sigonella per i voli civili da e per Catania, per il tempo necessario ad ultimare i lavori di rifacimento della pista di Fontanarossa.

  • Interrogazione del 12 aprile 2011

    Interrogazione al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai Ministri della giustizia e del lavoro e delle politiche sociali, in merito al mancato rilascio di certificati INAIL di esposizione all'amianto in Sicilia.

  • Interrogazione del 23 febbraio 2010

    Interrogazione urgente al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti in merito alla costruzione dell'aeroporto di Licata

  • Interrogazione del 25 maggio 2009

    Interrogazione urgente al Ministro delle infrasttuture e dei trasporti in merito al cedimento di un pilone del viadotto «Geremia 2» sulla statale 626 Caltanissetta-Gela

  • Interrogazione del 5 maggio 2009

    Interrogazione urgente al Ministro per i beni e le attività culturali in merito alla concessione a terzi dei terreni agricoli demaniali in consegna al Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei templi di Agrigento

  • Interrogazione del 29 aprile 2009

    Interrogazione urgente al Ministro della Giustizia in tema di intercettazioni telefoniche, telematiche ed ambientali

  • Interrogazione del 23 ottobre 2008

    Interrogazione urgente al Presidente del Consiglio in merito alla crisi idrica nel territorio di Agrigento